La Voce
dei Naviganti

info@laziosudnotizie.it



Questo spazio è riservato a tutti coloro che vorranno mettersi in contatto con noi. I nostri indirizzi sono disponibili su questo sito e chiunque potrà inviarci un messaggio, nel caso lo ritenesse opportuno. Noi saremmo ben felici di pubblicarlo. Informazioni, suggerimenti, notizie, saranno raccolte da noi e pubblicate. Stesso discorso vale per chi volesse collaborare volontariamente e gratuitamente. Abbiamo deciso di chiamare questa rubrica "La voce dei "naviganti", proprio perchè chi ci visiterà sarà un "navigatore" di Internet. E proprio durante questi "viaggi", ci auguriamo che siano in tanti a scoprire questo nostro sito, che si realizzerà anche grazie a voi. Del resto questo giornale on line sarà creato grazie anche ai vostri messaggi ed ai vostri contributi. Vi aspettiamo, dunque, per ogni comunicazione.

Spett.le LazioSud, scrivo questa mail in quanto vorrei mettervi a
conoscenza di quanto mi è capitato. Per dirla in due parole al
sottoscritto (docente di Spagnolo presso la Scuola Media Manzoni di
Pomezia) gli stipendi relativi ai mesi di ottobre, novembre, dicembre,
gennaio, febbraio, marzo, aprile, per un errore tecnico, sono stati
pagati con sette mesi di ritardo. Non sto a dilungarmi più di tanto
sulla faccenda in quanto questa è stata pubblicata anche su Latina Oggi
(senza stipendio, l'odissea di un prof.)  e sul Tempo (prof. accusa i
vertici della scuola) nel mese di Marzo. Ma il problema vero ora è un
altro ed è un problema al quale nessuno sembra saper dare una risposta.
Qual'è il problema?
Il problema è che il sottoscritto ha cercato di avere giustizia da
coloro che dicono di voler difendere i diritti dei cittadini e dei
lavoratori, ovvero sindacati (Cisl in particolare) e Associazioni
consumatori (Codacons in particolare).
Rivolgendomi alle suddette per far valere i miei diritti (almeno i danni
morali e materiali per i disagi subiti per sette mesi di assenza di
stipendio), ho avuto due risposte  diverse. La Cisl mi ha consigliato di
non procedere, ma che se proprio avessi voluto farlo mi sare dovuto
rivolgere al loro ufficio legale (sotto la mia responsabilità e a mia
spese). E pensare  che sono anche iscritto alla Cisl.
Ancora peggio è andata con il Codacons. Mi sono rivolto all'avv. Rienzi,
ritenendolo uno dei massimi esperti in materia (non ha praticamente mai
perso una causa), il quale mi ha risposto che la causa si sarebbe potuta
fare con ottime possibilità di vittoria, ma che mi sarebbe costata 600
euro.
Il sottoscritto guadagna 1200 euro circa al mese e non si può permettere
di spendere metà stipendio per far valere i propri diritti, a maggior
ragione se il Codacons afferma di essere al servizio del cittadino.
A questo punto sono costretto a rinunciare a far valere quanto sopra,
così ancora una volta  chi ha sbagliato non pagherà. E continuerà a
sbagliare sapendo che nessuno potrà far nulla non potendosi permettere
una spesa legale del genere. E i capoccioni del tesoro continueranno ad
avere l'aria boriosa e strafottente che hanno ogni qualvolta si chiede
loro qualcosa.
Ringraziandovi per l'attenzione porgo i miei più cordiali saluti,
sperando che possiate pubblicare il mio sfogo affinchè qualcuno possa
darmi un consiglio in merito.
Prof. Marco Flammini

Dò il consenso affinchè possiate mettere il mio nome in fondo alla lettera.

I

 

Home Page - Ultim'ora - Cronaca - La Nota - Politica - Economia e Sindacale - Attualità
Cultura e Spettacoli - Appuntamenti - Sport - Varie e Speciali - Flash dai Comuni - L'InformaMinturno
Speciale - La Voce dei Naviganti - Contattaci - Consigli per gli Acquisti

 


Powered by IMMAGINA